Associazione di protezione civile ed impegno sociale

Expandmenu Shrunk


Lectio Magistralis del Prefetto Gabrielli all’inaugurazione dell’anno accademico all’Università della Calabria

Un gruppo di Volontari dell’Associazione Arcobaleno Pro Civitate SNA ha partecipato oggi alla cerimonia di inaugurazione dell’anno accademico 2014/2015 dell’Università della Calabria.
A tenere la lectio magistralis “La società dei rischi e delle emergenze. Riflessioni sulla protezione civile in Calabria” è stato il Prefetto Franco Gabrielli, Capo del Dipartimento della Protezione Civile della Presidenza del Consiglio dei Ministri.

DSCF5956

Gabrielli si è rivolto ai Rettori, ai Docenti, agli studenti e ai volontari presenti con un discorso inusuale quanto profondamente illuminante sulla situazione dei rischi e sulla gestione del sistema di protezione civile in Calabria, non soffermandosi su un mero elenco di numeri e constatazione delle condizioni esistenti, ma riflettendo sulle difficoltà palesi nelle quali versano i territori e sulla necessità di migliorare la gestione delle emergenze. “Ho parlato di approcci nuovi, multidisciplinari, che aiutino a portare la Protezione Civile oltre il limite delle risposte puramente tecniche e che, allo stesso tempo, siano in grado di costruire su nuove basi la collaborazione tra chi governa il territorio e chi si occupa di protezione civile”.

DSCF5951

Gabrielli non ha regalato risposte ai numerosi interrogativi che ogni giorno volontari e funzionari di protezione civile in Calabria si pongono, ha invece mosso un appello a quanti, in diversi modi, si occupano di questi temi: ” Anche per questo sono venuto qui, dove vive uno dei malati ambientali cronici più gravi d’Italia, la vostra regione, a chiedere aiuto, a chieder l’aiuto del malato grave e di chi lo conosce meglio di ogni altro, come la vostra Università, con la stessa speranza con cui si cerca insieme al sopravvissuto, allo scampato, a chi è ancora vivo dopo l’epidemia il segreto del suo sopravvivere e vivere, per cercare l’antidoto e il vaccino, per cercare la mappa dei percorsi che permettano di evadere dalla giungla delle catastrofi incombenti e ritrovare sentieri più facili da camminare.”